KINGS SERVICE MESTRINO 51 – SAN BONIFACIO 60

Lo scontro al vertice nel girone Verde della serie D tra Kings Service Mestrino e San Bonifacio, è  aggiudicato alla capolista veronese che, con questa impresa, prosegue la marcia inarrestabile, ancora imbattuta. Da parte sua la Kings Service interrompe la striscia positiva di 10 successi consecutivi: il risultato finale rende onore alla compagine veronese, ma la partita presenta alcune riflessioni. La vittoria dei veronesi risulta meritata, perché chi vince fa sempre qualcosa in più degli sconfitti o questi ultimi fanno qualcosa meno dei vincenti. Ebbene questa è la morale del match di questa sera, mai definitivamente chiuso, con una ottima partenza dei veronesi, privi di Damiani e Tommasetto. Il San Bonifacio parte bene, prendendo una leggera supremazia di manovra, con il Mestrino un po’ contratto e, forse, nervoso per l’importanza della partita. Si chiude comunque con un parziale equilibrato, con una lunghezza a favore degli ospiti (10-11). La seconda frazione continua con una lieve supremazia veronese ed i padovani che non riescono a prendere ritmo sulle conclusioni dall’arco, rimanendo dietro di 4 lunghezze nella frazione (16 – 20) ed andando all’intervallo lungo con i ragazzi di coach Zappalà con 5 punti di vantaggio. La terza frazione mostra il sostanziale equilibrio con il Mestrino che riesce a non perdere contatto con gli avversari, ma con e polveri bagnate sul tiro dall’arco dei tre punti è difficile avere quello colpo di reni e l’inerzia positiva per prendere il comando delle operazioni, per cui i padovani lasciano altri due punti agli avversari nella frazione 13 – 15), accumulando7 lunghezze di vantaggio  (39 – 46) sul tabellone dei totali. L’ultimo quarto si apre con i giocatori di coach Cogo che provano ad aumentare i ritmi offensivi, mantenendo la difesa aggressiva e nei primi minuti con ripetute  incursioni al ferro di Bergamin riescono ad arrivare ad una sola lunghezza di svantaggio, ma l’esperienza dei veronesi e banali errori nelle conclusioni, consentono alla capolista di riprendere quel vantaggio di sicurezza che consentirà di fissare il risultato finale avanti di 9 lunghezze (51 – 60).
            Nel San Bonifacio match winner l’ottimo Accordi, complesso nel contenimento e cinico nelle conclusioni, ottima la prova di Croce con una tripla dalla lunga distanza che stroncava la rimonta dei padovani e buona la prova del dinamico Mignolli.
            Nella Kings Service ottima la gestione collettiva della difesa che permetteva alla forte capolista solo 60 punti (con solo 4 triple), problematica la fase offensiva, gravata da una surreale percentuale dall’arco dei tre punti (1 su 21), oltre ad un eccesso di errori realizzativi da sotto canestro, anche a causa dei comprensibili contatti, spesso ignorati dagli arbitri. Nel Mestrino ottimo l’apporto difensivo  e realizzativo di Bergamin, Russo sugli scudi per le penetrazioni realizzative ed il lavoro in fase di rimbalzo. Buona la prova degli altri ragazzi, con qualcuno in serata negativa per la fase offensiva che è mancata a contendere il successo alla forte compagine veronese.
            Serata da dimenticare per il duo arbitrale, con sviste clamorose su entrambi i fronti ed un eccessiva indulgenza sui contatti sotto i tabelloni e una gestione incerta e pasticciata sull’applicazione dei regolamenti.

PRIMO QUARTO   10 * 11,   – SECONDO QUARTO 16 * 20,   – TERZO QUARTO 13 * 15,   – QUARTO QUARTO 12 * 14,   – FINALE 51 – 60
MESTRINO  –   BERGAMIN D. 16,   GIROTTO G. 0,   DE MESA J. 3,   RUSSO F. 11,   PADOVAN D. 0,   RAGO A. 5,   SALVATO M. 2,   BIANCO N.     (K) 2,   CAPPELLARI M. 0,   FRASSON M. 6,  GARON M. 4,  FABIAN L. 2  –    Coach:  COGO E.
SAN BONIFACIO  –   BEVILACQUA M.      (K) 7,   DALLA CHIARA E. 3,   D’AMELIO A. 0,   CROCE L. 12,   GIUSPOLI M. 0,    ACCORDI M. 19,   MIGNOLLI R. 11,   GUEYE A. 6,   MANFRO M. 0,   BUSOLA G. 2,    ,      –     Coach:  ZAPPALA’ M.
MESTRINO   T.L.: 8/13    T2p: 20    T3p: 1
SAN BONIFACIO   T.L.:   10/16    T2p: 19    T3p: 4
ARBITRI: STINA’ G. (VE); PIRRO A. (PD) 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *