MESTRINO 80 – SOLESINO 45

La regular season si chiude con un vero capolavoro sportivo della Pallacanestro Mestrino, la quale, non solo centrava il successo con il Solesino, ma sbriciolando il – 15 della partita dell’andata, a parità di punti, si portava al secondo posto nella classifica finale, miglior piazzamento dopo 9 anni di serie D nella stagione regolare. L’analisi dell’approccio della partita da parte delle due squadre potrebbe spiegare quanto è successo al Palalissaro questa sera. Gli ospiti giocavano forti del vantaggio dell’andata, probabilmente contando, sul vantaggio numerico dell’andata e sulla propria cifra tecnica notevole ma…non facevano i conti con le follie dei ragazzi di coach Cogo, capaci di una partenza bruciante, con un parziale di + 10, Bergamin devastante con 3/3 nelle prime bombe dall’arco ed un super Garon in difesa con due stoppate sontuose e 2 recuperi di palla in 7 minuti. Obiettivamente, il Solesino soffriva in modo vistoso l’aggressività difensiva dei padroni di casa, molto efficaci anche nelle soluzioni offensive. Il primo quarto si chiudeva con un parziale di 24-10, frutto di una netta supremazia dei biancoblu di casa. Il tema di gioco si svolgeva sullo stesso tenore anche nel secondo quarto (22 – 12) con il Mestrino che dettava i tempi ed il Solesino che accennava ad una reazione in modo scomposto, più legata alle virtù dei singoli che su una manovra corale. La difficoltà da parte degli ospiti di prendere le misure dell’incontro, era sensibilmente influenzato dall’impostazione difensiva asfissiante del Mestrino, con i suoi uomini ovunque, sulle linee di passaggio, anticipi millimetrici, raddoppi sistematici ed aiuti in fase di penetrazione avversaria. Si andava negli spogliatoi con + 24 per i padroni di casa (46-22). Al rientro il Solesino mostrava una reazione, migliorando la fase offensiva e riducendo l’efficacia delle scorribande degli avversari, che perdevano De Mesa per un violento colpo al plesso solare con conseguente nausea e limitazione respiratoria. In aggiunta, Mojsovski trovava la tripla della disperazione dalla propria metà campo sulla sirena di fine quarto, consentendo di chiudere la terza frazione con + 4 d parziale (13 – 17) e riducendo il gap complessivo dal Mestrino a 20 punti. Iniziava l’ultima frazione, nella quale la maggiore freschezza atletica ed un panchina infinita per Cogo, riportava i padroni di casa a riprendere il timone del match, aprendo spesso la difesa avversaria, incapace di fermare gli avversari se non con falli, i cui fischi arbitrali, causavano la reazione nervosa di capitan Bortolami, espulso per due tecnici. L’ultima frazione si chiudeva con un tombale + 15 per il Mestrino che con + 35 punti (80 – 45), si issava al secondo posto della classifica di girone, posizione di soddisfazione sportiva e vantaggio iniziale nella roulette dei play off. Nel Solesino, oggettivamente in serata negativa, spiccava per grinta ed iniziativa Mojsosvski e, a sprazzi, Gugole. Nella Pallacanestro Mestrino, senza retorica, tutti e dodici i ragazzi del roster hanno contribuito alla partita perfetta, come approccio, serietà, spirito di sacrificio e unità d’intenti. Tra questi una segnalazione speciale va a Romeres (19 punti e 24 rimbalzi), vera spina nel fianco degli avversari, il chirurgico Bergamin, il regolare Bianco, l’imprevedibile Merlini e le difese di Cappellari, Rago e Garon. Ma tutti, ripeto, hanno messo il loro mattone a questa partita ed a questa stagione che non vedeva il nostro team al posto d’onore del girone. Ora, dopo il meritato relax, testa alla prima dei playoff che ci risulta essere Valdobbiadene, con la stessa concentrazione mostrata negli ultimi 8 incontri vincenti consecutivi.

PALL. MESTRINO

Romeres D. 19, Bergamin D. 18, Bianco N. (K) 12, Merlini N. 9, Rago A. 8, Russo F. 4, De Mesa J. 4, Cappellari M. 3, Roverato A. 2, Garon M. 1, Sartore M.De Boni L
All.re:Cogo.

BCS1975 SOLESINO

Zulian D. 14, Gugole M. 8, Mojsovski D. 8, Chinedun J. 4, Quaglia M. 4, Bortolami D. (K) 3, Rizzo F. 3, Candeo S. 1, Longo M.Ortoman F.Perez Hernandez B
All.re:Benedetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *